mercoledì 1 giugno 2011

quattrossì

Il settore dell’energia è molto ampio: dai materiali ai sistemi di produzione dell’energia, dal benessere all’inquinamento, all’impatto ambientale, come orientarsi per le scelte in un campo tanto vasto? Per poter avere una personale convinzione occorre essere informati, dalla scienza, dalla tecnica dalla politica, e dall’informazione. Riguardo al tema dell’energia nucleare pochi possono essere considerati esperti dei processi e della tecnologia, e tale competenza è vincolata a singoli aspetti, raramente alla visione di insieme. La produzione di energia elettrica (e non termica) da “energia nucleare per scopi civili”, affronta anche aspetti legati al prezzo dell’energia, ai costi di costruzione, di smantellamento, alla valutazione del fabbisogno energetico, eccetera eccetera, tutti argomenti complessi per conoscere i quali occorre fidarsi dei “decisori politici” e di quei soggetti che influenzano l’opinione pubblica.
Da qui il tema della “dipendenza epistemica” e la fiducia.
I soggetti cognitivi non accettano affatto, ciecamente e indiscriminatamente, quanto viene loro riferito da altri; lo accettano solo quando non dubitano della capacità del testimone di conoscere il vero, né della su onestà nel non volere ingannare. Accettare o non accettare una certa testimonianza dipende in sostanza dalla credibilità e dalla virtù del testimone” (pg.107 M.C.Amoretti N.Vassallo “Piccolo trattato di epistemologia”).

Riguardo al nucleare, ed altri temi, ho conservato alcuni articoli di giornale, senza nessun specifico criterio (ognuno ha le sue “fisse”). Ho messo in ordine quanto è stato scritto dal 2003 (dibattito sul deposito di scorie nucleare a Scanzano Ionico) al recente disastro delle centrale nucleare di Fukushima, ed il il 14/11/2003 sul QuotidianoNazionale si leggeva: “Rifiuti radioattivi, tomba in Basilicata. Ed è subito rivolta”, e qualche giorno dopo su La Repubblica "Scorie, ha vinto Scanzano. Il governo: "per il deposito si riparte da zero" (28/11/2003). (10/02/2005) QuotidianoNazionale: "In Italia l'energia costa troppo. Col nucleare risparmi del 50%"; (17/05/2005) CorriereDellaSera: “Usa, nuovo patto sul nucleare Anche gli ecologisti dicono sì”.(08/07/2005) CorriereDellaSera: “Scajola: più nucleare contro il caro-petrolio. Montezemolo: energia, mai troppo tardi per una svolta. Il ministro studia un taglio delle accise subito. Fassino: sulle centrali serve un approccio non dogmatico” (07/10/2007) IlSole24ore: “In Parlamento si riaffaccia l'opzione nucleare. Proposta di legge di An e Forza Italia”; (23/05/2008) RestoDelCarlino: Energia."Torneremo al nuclare": è la scommessa di Scajola" - e nella stessa pagina - Galan: "Nessuno vuole le centrali? Allora facciamone una in Veneto" (23/05/2008) LaRepubblica: "L'Italia torna al nucleare" L'annuncio di Scajola. Marcegaglia al governo: c'è un clima nuovo” (06/06/2008) IlSole24ore: " 'Nucleare scelta obbligata' Dopo l'incidente alla centrale slovena Scajola da Bucarest ribadisce: indietro non si torna” (24/07/2008) IlSole24ore: Il Governo rilancia sull'atomo. Berlusconi contatti per costruire centrali nucleare nei paesi vicini"
(06/08/2008) IlSole24ore: “Germania.La Cdu preme sull'Spd."Allungare i tempi di uscita dal nucleare"
(31/05/2011) Corriereonline: “La Germania dice addio al nucleare” [la “solita incoerenza tedesca]
- e poi il trend dei sondaggi:
(13/05/2005) RestoDelCarlino: "Ora gli italiani vogliono tornare al nucleare. Energia: il 54% è favorevole"
(01/10/2007) IlGiornale - Espansione.newspaper (allegato): "La paura è passata" Nucleare? Sì, grazie. Sondaggio esclusivo. Vent'anni dopo il referendum, gli italiani contrari alle centrali nucleari sono scesi dall'80 al 32 per cento. Le motivazioni dei sì e dei no. E mentre crescono i "pentiti" anche eccellenti, l'ENEL ha già cominciato a giocare le sue carte. – e sempre sullo stesso numero - Nucleare? L'Italia ci ripensa. Rispetto ai risultati del referendum del 1987, un vero ribaltone.(03/11/2007) IlSole24ore.Speciale Nucleare: Si incrina il fronte del "NO". Tra politica e società avanza uno schieramento trasversale: quello dell'"apertura condizionata". Oggi nei partiti prevale l'idea che sia stato un errore rinunciare all'opportunità (09/11/2008) IlSole24ore: Dal 46% degli italiani sì al nucleare. Energia.Indagine Demos: le generazioni più giovani sono le meno favorevoli (06/05/2009) LaRepubblica.it: "L'atomo non scalda gli italiani la maggioranza resta contraria (Sondaggi Eurispes)".
- le previsioni: (03/11/2007) IlSole24ore.Speciale Nucleare: Un'altra Cernobyl? Secondo gli esperti oggi è impossibile. La statistica. Negli ultimo vent'anni nessuna delle 440 centrali nucleari in giro per il mondo a prodotto incidenti con conseguenze serie. "[…] La comunità scientifica ci rassicura: escludere a priori un incidente non si può, ma nei 20 anni che ci separano dalla tragica falla dalla centrale sovietica una poderosa catena di perfezionamenti della tecnologie e delle norme operative riduce il rischio delle moderne centrali a qualcosa prossimo allo zero. [...]
- gli incidenti (dimenticati)
(18/07/2007) IlSole24ore: Tokyo chiude la centrale nucleare. Polemiche sulle reticenze della società di gestione e sull'inefficienza degli interventi. Il Governo sospende l'attività del più grande impianto del mondo dopo il terremoto e le nuove fughe radioattive. (04/06/2008) AdnKronos: Slovenia, incidente in centrale nucleare. UE: "Nessun rischio" (18/07/2008) IlSole24ore: "Ispezioni in tutte le centrali". Preoccupa il livello anomalo di radiazioni rilevato presso l'impianto. Il ministro per l'Ambiente Borloo annuncia controlli a tappeto dopo la fuga radioattiva a Tricastin [Francia] (17/02/2010) IlSole24ore: “Cernobyl, un cantiere per l'eternità” (30/02/2010) Disastro della piattaforma petrolifera BP British Petroleum DeepWater Horizon (12/04/2011) RepubblicaOnline "Fukushima è come Chernobyl"

- le ultime news
(01/06/2011) Corriereonline “Nucleare: il referendum si farà

Nessun commento: