lunedì 2 gennaio 2012

E’ il solito magna magna delle lobby


Leggo i commenti del blog “Annunci case, obbligo di certificato” del Corriere della Sera del 1 gennaio 2012, nel quale si illustra l’obbligo di indicare la Classe energetica negli annunci immobiliari a partire dal 1° gennaio 2012.
Nei post si legge il solo livore dei "cittadini", in particolare “[…] Al momento di acquistare o vendere la casa sarà fondamentale “la classe energetica”: sicuramente sarà da pagare la solita “tangente” (ooops mi scuso, parcella ) al tecnico abilitato che ci rilascerà il certificato.[…]” 
ed ancora
“[…] Un altro regalo a geometri  e tecnici [???che differenza c'è?], non si poteva fare che chi lo desidera si fa rilasciare a pagamento questo documento e chi non vuole non lo fa? […] Ne avevamo bisogno di questa ennesima gabella dopo che nulla è stato fatto per incentivare i singoli cittadini ad investire sulle energie pulite?” 
e più sotto “Un altro regalo alle lobby.[…]” 
e poi “Intanto è un bell’onere scaricato addosso al cittadino, con la solita storia del tecnico abilitato: un bel regalo alle corporazioni che si vorrebbero combattere! […]”

Questo è lo specchio del nostro paese, un insieme di consumatori (non più cittadini) per i quali tutto è dovuto 'a gratis', che vedono le libere professioni come una gabella, dei parassiti, l’informazione su quello che comprano come una tassa, il bene comune (risparmio, efficienza) sempre a carico degli altri, o comunque sempre risolvibile con il benaltrismo.

Mi auguro che il 2012 cambi gli Italiani facendoli tornare cittadini del proprio paese, con diritti e doveri, con pretese e responsabilità delle proprie scelte, e non solo livorosi consumatori.


Questo primo post non è molto "tecnico", ... mi auguro che su questi temi sia un anno efficiente!

Kristian Fabbri

(Riproduzione riservata. Il materiale contenuto è consultabile e riproducibile a patto di citarne fonte ed autore ed i relativi link. )
riferimento:

1 commento:

geom. Fabio Denti ha detto...

Le stesse persone che poi, quando arriva la prima bolletta del gas, chiamano un tecnico abilitato per chiedere una diagnosi energetica... come sempre in Italia si cura soltanto e non si previene.
Manca completamente una consapevolezza rivolta al di là del semplice giorno solare, manca lungimiranza!